Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

TURISMO, CULTURA, EVENTI, SAPORI, TERRITORIO, MOTORI, CAMPER TOUR 

Terra dei fuochi?

NO! Questa è la terra del buono!

Apre Eccellenze Campane punto di ristoro e vendita dei migliori prodotti agroalimentari campani.

A cura di Gennaro Buonocore

21 febbraio 2014

La Campania è tradizione, storia, cultura, ma anche gastronomia.

Eppure orami è una Regione vista con disprezzo da molti connazionali che facilmente giudicano i problemi della nostra terra, ma poi con terribile superficialità non analizzano la questione a 360°.

La Campania è vista come la Terra dei Fuochi, ma non è così, non è solo così. Una risposta andava data, cercare di alzare quanto meno la testa si doveva fare.

Ed è stato fatto!

Pasquale Buonocore, 71 anni, ex braccio destro del piemontese Farinetti, ideatore di Eatitaly e Paolo Scudieri, fondatore della Adler Group, leader mondiale nella progettazione di componenti e sistemi per l’industria del trasporto; in qualità di manager il primo e proprietario il secondo hanno deciso di puntare su “Eccellenze Campane”, un punto di ristoro e di vendita che utilizza i migliori prodotti della filiera agroalimentare campana.

Il complesso è esteso su un solo piano ed è diviso in varie aree: vendita, consumo, didattica e produzione. Pasquale e Cristian Buonocore sono padre e figlio e sono i manager di Eccellenze Campane. Il proprietario è invece Un napoletano premiato dal presidente americano Obama come esempio di imprenditore che investe nella ricerca scientifica.

Eccellenze Campane è come un girone dei golosi. Si guarda, si mangia, si compra e non per forza in questo ordine. La mozzarella è di Roberto Battaglia. Azienda a Capua e latte che arriva dal Casertano e dal Salernitano. È il “casaro” con la scorta, per aver denunciato vari tentativi di estorsione. La Taverna degli antichi piatti della tradizione è affidata alla Masseria dei Trianelli di Ruviano e alla pazienza di Luciano Di Meo che ha promesso la “minestra ammaritata” di un tempo: tre giorni di lavorazione per un piatto. Ci sarà la “chianca”, il banco macelleria con sole tre razze, mucca marchigiana, ma allevata in Campania, maiali bianchi e neri del Casertano. La “Cassaduoglio” è l’antica salumeria napoletana, dove si vendeva prevalentemente formaggio e olio, qui reinterpretata; ci saranno i “panuzzari di Gragnano” con il “panuozzo”; non mancherà la pizza, quella di Domenico Vuolo e i dolci affidati a Pasquale Marigliano – famoso per i suoi panettoni – e alla Gay Odin per cioccolato e gelati. Si produrrà anche pasta a marchio Eccellenze Campane.

Non c’è il banco del pesce, mentre c’è la cucina di mare affidata a La Torre di Massalubrense a alla chef Maria Aprea. Ai fritti, Antonio Tubelli, un’istituzione a Napoli con il suo negozio Timpani e Tempura, famoso per il fritto che non unge le mani. Si potrà bere una “purtuallata” (spremuta di arance alla napoletana”) o rinfrescarsi al banco della “mummara” (le antiche anfore di argilla che raccoglievano le acque ferrate della fontana del Chiatamone). Frutta e verdura dei monti picentini saranno in vendita solo il sabato e la domenica. Infine vendita di vino sfuso e produzione di birra in loco, con la Maneba.

Il nuovo spazio per gourmet è aperto dalla domenica al lunedì, dalle 7 a mezzanotte, con orari prolungati nel fine settimana. Al momento la ristorazione occupa il 70% del business. Il restante 30 vede protagoniste anche piccole realtà produttive del mondo del vino e del cibo che potranno esporre i loro prodotti sugli scaffali. Per ora sono 65.

Mangiare, bere e imparare, grazie all’Aula Magna (o Aula Magnà!) dove si terranno corsi di degustazioni ed eventi. Tutto lo spazio è inoltre cablato per consentire lo streaming tv in ogni area. Il format è campano ma il suo ideatore pensa di moltiplicarlo, per creare altri luoghi di eccellenze territoriali. Ma è importante che sia nato qua in quella che ora malauguratamente chiamano la Terra dei Fuochi. Il pay off invece va in tutt’altra direzione: la Terra del Buono!

0